In un studio condotto da alcuni ricercatori, si è scoperto che circa il 90% dei cosiddetti “acquisti d’impulso”, quindi determinati da decisioni improvvise, è condizionato proprio dai colori.

Cosa sarebbe la Coca Cola senza il rosso? O i marchi di prodotti biologici senza le tonalità del verde? Se la prima vuole comunicare forza, vitalità e successo, i secondi puntano a un senso di rispetto della natura, sostenibilità e relax.

Nella scelta dovremmo tener conto non solo dell’argomento trattato dal sito, ma anche delle associazioni psicologiche normalmente attribuite ai colori. Vediamo  insieme le più comuni.

ROSSO:passione ed energia. Attira l’attenzione e spinge all’acquisto poiché stimola l’urgenza e la necessità.  Solitamente, viene utilizzato per i saldi.

VERDE:terra, natura, libertà e relax.

BLU:fiducia, ordine, sicurezza. Consigliato per banche, imprese e settore sanitario.

ARANCIONE:divertimento e spensieratezza. Richiama una certa aggressività e spinta all’azione: “iscriviti”, “compra”.

GIALLO: ottimismo, speranza. Usato per richiamare l’attenzione, per comunicare un messaggio positivo.

MARRONE:resistenza e comodità

ROSA: romantico e femminile. Usato nel marketing di prodotti per donne.

GRIGIO: intelletto, equilibrio.

PORPORA: calma. Adatto per prodotti di bellezza e anti-età

NERO: potenza ed eleganza. Solitamente utilizzato per il marketing di prodotti di lusso.

Attenzione, però: le associazioni psicologiche dei colori possono variare da Paese a Paese. Ad esempio, negli Stati Uniti il verde è spesso associato al dollaro, dunque al denaro, mentre in Europa no. Negli USA l’arancione si identifica con i prodotti economici, in quanto vi è la consuetudine di utilizzarlo nelle confezioni di articolo a basso costo.

Il team di M&CS4you tiene in forte considerazione, nelle sue scelte progettuali, queste variabili, fornendo sempre il miglior prodotto per ogni tipologia di cliente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.