Ogni giorno quasi tutti accediamo ai social network ma, come cambia il nostro modo di usarli? E poi c’è social e social, le potenzialità di facebook sono diverse e complementari, ad esempio, a quelle di twitter.

DataInsight, il team di Data Strategists di Havas Media Group, ha condotto una ricerca intervistando 200 italiani tra i 18 e i 55 anni, fruitori attivi dei tre principali i social network: Facebook, Instagram e Twitter.

TUTTI IN MOBILITÀ

Si conferma il trend del social in piena mobilità. Gli italiani si connettono infatti sempre più spesso dallo smartphone (96%), a seguire tablet (91%) e PC (50%). In media gli italiani spendono 2.5 ore al giorno sui social e, nello specifico, la piattaforma più utilizzata è Facebook: il 50% dei rispondenti è connesso da 1 a 4 ore, a differenza di Twitter e Instagram a cui ci si connette in modo meno continuativo e per un periodo di tempo più ridotto. Facendo una distinzione tra fasce d’età, i più attivi e fedeli sono i giovani (18-24 anni): il 61% di loro dichiara di guardare costantemente gli update sulla Bacheca e di fare check-in dovunque si trovi, il 41% dichiara di caricare foto e video o di postare contenuti per 3 o più volte al giorno. Più moderato l’atteggiamento degli adulti, “big viewers” che appaiono meno interessati a condividere tutto ciò che gli capita, ma che risultano attivi nel controllare la bacheca appena possibile e nell’interagire con i contenuti del loro network, attraverso i like o ri-twittando (67%).

SEMPRE IN MULTITASKING

Il 90% degli intervistati dichiara di essere connesso ai social network mentre è impegnato su altre attività: mentre guarda la tv (92.7%), mentre aspetta treno o altri mezzi pubblici (77%) e mentre è in ufficio (64%). Il 78% del campione dichiara di utilizzare l’hashtag quando posta un messaggio, ma con una differente finalità nei diversi social networks. Su Facebook i “cancelletti” si utilizzano in modo autoreferenziale cercando di dare visibilità al proprio post puntando l’attenzione su se stessi e cercando di guadagnare popolarità nel proprio cerchio di amicizie per le esperienze che si stanno vivendo. Su Twitter si usano invece per partecipare a conversazioni già esistenti. Su Instagram infine, aiutano a rendere visibile la propria capacità espressiva attraverso uno scatto e di essere tra i primi ad essere selezionati quando si cerca un’immagine.

LE MOTIVAZIONI

Si è iscritti a Twitter per seguire gli opinion leader, blogger, e star (44.5%) e per avere news in real time su quanto accade nel mondo ed intorno a noi (39%). Il network che ci si costruisce su Twitter è costituito da persone che riteniamo autorevoli, influenti e “sul pezzo” che qualificano Twitter come una piattaforma real time, equiparata ad un’edicola interattiva. Diversamente da Twitter, i rispondenti utilizzano Facebook per tenersi in contatto con gli amici, parenti, conoscenti (77%), per staccare la spina (65%) e per avere informazioni su news ed eventi nella propria città (45%).